#CondorIsBack

Il Condor Pastore torna a casa: contro il Granata con un’arma in più

Fiorenzo Pastore, classe ’82, veste nuovamente il bianconero: obiettivo salvezza e 250 gol

“Questa è casa mia, questa è la mia gente, questa è la mia squadra del cuore”

Il Condor Pastore è tornato al nido. Dopo anni lontano dalla sua casa ad inseguire gol e successi, Fiorenzo Pastore, attaccante di razza classe ’82, ha deciso di tornare a vestire il bianconero, la sua seconda pelle, i suoi colori del cuore. Lontano dai campi da troppo, Pastore, entrato a far parte dello staff tecnico delle giovanili del Nola, ha iniziato a lavorare con la prima squadra per gioco. Un gioco tramutatosi in un sogno fortemente voluto da un ragazzo eternamente innamorato di Nola. I sogni son desideri e spesso diventano romanticamente realtà ed ora a 37 anni, Pastore andrà a completare la batteria offensiva bianconera. In fondo il Condor vuole “agguantare due obiettivi”: raggiungere quota 250 gol in maglia bianconera sugellando il tutto con la salvezza.

Bomber come pochi, Fiorenzo Pastore, è da oltre 15 anni uno degli attaccanti più prolifici e letali del panorama calcistico campano. Nola, Casertana, Arzanese, sono solo alcune delle tappe di una carriera costellata da gol pesanti, gol che gli sono valsi il soprannome di Condor, rapace d’area, ed anche di Flaco, forse in onore dell’omonimo e più famoso, Pastore argentino attualmente in forza alla Roma.

“Corono un sogno, quello di tornare a giocare per la mia squadra del cuore – ha esordito un’evidentemente commosso Fiorenzo Pastore –. Ringrazio la società che ha creduto in me corteggiandomi e dandomi l’opportunità di allenarmi e rimettermi in forma. Mi sento come un bambino che corona il suo sogno perché per questa è casa mia e potrò giocare per la mia gente e segnare per la mia squadra del cuore. Mi metterò da subito a disposizione di mister De Sarno con umiltà e massima disponibilità. Voglio dare una mano in campo ma anche e soprattutto nello spogliatoio aiutando i più giovani e supportando i veterani. E poi mi piacerebbe coronare un piccolo sogno che cullo da tempo: segnare il 250° gol in carriera con la maglia del Nola. Ci proverò perché questo significherebbe sicuramente centrare la salvezza e far festa grande in città”.

Pastore sarà a disposizione di mister De Sarno già dalla sfida in programma domani, domenica 13 gennaio, alle ore 14:30 allo stadio Vallefuoco di Mugnano di Napoli, contro il Granata. Sfida salvezza di cruciale importanza a cui il Nola si presenterà con un’arma in più: il Condor Pastore!

Leave a Reply