La Società

La prima fondazione avvenne nel 1925 come U.S. Nola nome successivamente modificato in S.S. Nola.

Ha conosciuto il suo apice a metà degli anni ’90, soprattutto con il settore giovanile (conquistando lo Scudetto Berretti nel 1993-94 e Allievi nel 1995-96); la prima squadra raggiunse il sesto posto di C1 nella stagione 1994-95, sfiorando i play-off. È stata dichiarata fallita nell’estate del 1996.

Da allora quattro diverse società ne hanno raccolto l’eredità (per altro solo ufficiosamente, non essendoci continuità con la vecchia società). La prima rifondazione è avvenuta nel 1996 con la società Nuova Virtus che, nel corso di 7 anni di attività e attraverso vari cambi di denominazione, ha militato per cinque anni in Eccellenza e per due in Serie D, conquistando, tra l’altro, la Coppa Italia Dilettanti nel 2001.

Dopo la vendita del titolo alla Juve Stabia nel 2002, nel mese di Agosto dello stesso anno, da un gruppo di tifosi, fu fondato loSporting Nola che venne iscritto al campionato di Terza Categoria. Nel 2004 è stata fondata un’altra società, la Boys Nola (in seguito rinominata Atletico Nola) che, partendo dalla Seconda Categoria, è arrivata in tre anni all’Eccellenza, per poi vincere tale campionato nella stagione 2009-10. Dopo una fallimentare stagione di Serie D, il titolo di questa società è stato venduto ad un club di San Giorgio a Cremano nell’estate del 2011.

Nella stagione 2011-12 la prima squadra di Nola, il Nuvla San Felice, è stata fondata nel giugno del 2011 con la fusione tra la Capriatese e una scuola calcio di San Felice a Cancello. L’anno seguente viene fondata la Real SM Hyria Nola, società che ha acquistato il titolo della Turris, che nella stagione 2012-2013 ha frequentato il campionato di Serie D.

Nel 2014 la società dello Sporting Nola cambia denominazione tornando alla vecchia denominazione S.S. Nola 1925.

Attualmente la squadra milita nel campionato di Eccellenza.
Nella stagione 2017/2018 si è classificata al 4°posto. ha partecipato ai playoff fino a raggiungere la finale disputata ad Agropoli contro la squadra locale, perdendola nei tempi supplementari.