L’analisi del D.S. Sorrentino sul cammino del Nola!

Dopo la debacle casalinga contro il Solofra è giunti quasi al termine di questo primo campionato d’Eccellenza la compagine bianconera per voce del Direttore Sportivo Sorrentino analizza questo particolare momento del campionato; “ci troviamo a chiudere questo campionato con tanto orgoglio e con un pizzico di rammarico per come è andata questa stagione. Oggi siamo a quota 35 punti ma avremmo potuto ottenere molto più di quanto abbiamo incassato.”

L’analisi del D.S. parte dalla sempre dichiarata salvezza che oramai sembra cosa fatta, anche quando le ambizioni sembravano poter cambiare in corsa; “è pur vero che abbiamo sempre dichiarato che l’obiettivo primario era la salvezza, ma a campionato in corso era chiaro ed evidente che eravamo in piena corsa per centrare i play-off. Ovviamente visto il nostro primo personale approccio alla categoria e visto che durante l’inizio di stagione si erano verificate alcune situazioni poco piacevoli, abbiamo voluto mantenere un profilo basso, questa cosa poteva andar bene se da un lato avessimo visto delle prestazioni deludenti da parte della nostra squadra, ma da quello che mi risulta solo per la partita di Palma Campania che a mio parere abbiamo affrontato male, il resto delle gare è stato condizionato da comportamenti rivedibili da parte delle giacchette nere. Non voglio trovare alibi, ne tantomeno sminuire il lavoro professionale che questi ragazzi fanno ogni domenica, però, posso passare su uno o due coincidenze e casi, ma alla terza mi sorgono dei forti dubbi.”

Le parole del D.S. si rivolgono ad episodi singolari capitati durante questa stagione come il cambio di arbitro per la gara interna tra il Nola ed il Valdiano, inizialmente designato il sig. Pragliola di Avellino, sostituito dal sig. Manzo di Torre Annunziata che durante quella gara si rese protagonista commutando alcune decisioni discutibili in sanzioni pesanti che colpirono la squadra nolana (lo stesso direttore di gara fu designato per la finale di Coppa Italia Regionale tra Portici ed Ebolitana, sappiamo tutti come fini e quali strascichi portò quella gara). Continuando l’analisi sui d.d.g. si sottolinea che il sig. Pragliola fu designato per la gara successiva a Positano, per poi passare alle ultime designazioni che hanno visto il Nola impegnato a Santa Maria di Castellabate con designazione del sig. Franciullo della sezione di Battipaglia e poi ultima casalinga contro il Solofra con designazione del sig. Vitale di Avellino; “ovviamente, nulla da ridire sugli avversari che forse hanno trovato involontariamente terreno fertile, ma posso solo immaginare, visti i precedenti che hanno coinvolto la S.S. NOLA 1925 credo che qualcuno nelle alte sfere non guardi di buon occhio la nostra società.”

Abbandonando la questione arbitri passiamo su un altro fattore che ha caratterizzato e condizionato l’andamento del Nola e di questo ce ne spiega i motivi sempre il D.S. Sorrentino; “E da circa tre mesi che stiamo vivendo un emergenza tra infortuni e improvvisi addii, ad esempio perdere per motivi lavorativi Catalano, avere indisponibili per un lungo periodo calciatori come Ianniello ed Esposito, oggi si aggiunge anche Russo che dovrà stare fermo per una qundicina di giorni, poi abbiamo Vanacore che da una ventina di giorni è irreperibile, stando a quando ci ha inviato il ragazzo è affetto da un inizio di pubalgia, ma essendo noi una società seria avremmo voluto ottemperare alle cure del ragazzo e far verificare al nostro staff medico le condizioni per poter averlo tra noi, questo però non ci è stato possibile perchè ad oggi il ragazzo non risponde alle chiamate della società, non siamo mai stati in grado di vedere la stessa formazione per più volte schierata in campo. Voglio solo sottolineare che tutto questo non è per noi  una scusante, anzi, l’ottimo lavoro di tutto lo staff tecnico e del mister sta comunque dando i suoi frutti, stiamo lanciando in prima squadra tanti giovani che stanno egregiamente indossando la maglia bianconera, stiamo raggiungendo con il settore giovanile ottimi risultati, abbiamo la Juniores qualificata alla fase Play-off, la nostra Under 17 al secondo posto in classifica, i MiniAllievi primi in classifica ed i Giovanissimi in corsa per i play-off, il lavoro della nostra ACCADEMY egregiamente guidata da Francesco Iovino e Alfonso De Lucia sta dando i suoi frutti.”

Infine per concludere l’appello del D.S. Sorrentino è chiaro: “come società non siamo affatto abituati a nasconderci dietro alibi, ma anzi, i tifosi sanno che il nostro amore incondizionato alla maglia viene trasferito a tutti i calciatori ed al mister, quindi garantisco che queste ultime gare saranno disputate con onore e con la voglia e la volontà di vincerle tutte e cinque, non regaleremo niente a nessuno, ce lo impone il blasone, la storia ed il rispetto che abbiamo per i nostri tifosi e la nostra città!”