Il Nola cala il tris: a Picciola un successo da big

Bomber Zaccaro decisivo nella vittoria del Nola sul Picciola

La SS Nola 1925 non si ferma più. Dopo il successo casalingo in campionato contro l’Eclanese e la vittoria in Coppa con il Solofra (con passaggio in semifinale), i bianconeri di mister Liquidato hanno battuto a domicilio anche il forte e temibile Picciola con il risultato di 1-3. Sul difficile campo di Pontecagnano, il Nola è riuscito ad imporre il suo gioco contro una delle squadre più compatte e strutturate del Girone B del campionato d’Eccellenza, chiedendo con un importantissimo successo il girone di andata.

Il match bello ed equilibrato sin dalle prime battute ha visto i padroni di casa provare a sorprendere l’estremo difensore bianconero, Avino, nei primissimi minuti con un paio di conclusioni dalla distanza neutralizzate però senza grossi patemi. Il Nola, con il tridente leggero Sacco-Thiam-Scielzo e con in difesa Cossentino adattato sull’esterno per sopperire all’assenza di Falivene, cresce sulla distanza provando a colpire da fuori con Scielzo prima e Sacco poi. Dopo l’intervallo la partita si accende come d’incanto. Il pressing del Picciola viene aggirato dal palleggio bianconero orchestrato da un sontuoso Olivieri. Le giocate del campione in maglia N°4 si concretizzano al 5′ quando su un’invenzione sulla sinistra di Vaccaro, Sacco arriva sul fondo, la mette al centro dove arriva di gran carriera Olivieri che senza esitare punisce l’estremo difensore di casa con un diagonale preciso e mortifero. Passano pochi minuti e il Nola ha la chance per raddoppiare. D’Abronzo al 25′ scappa sulla destra, crossa teso, sul secondo palo si fionda Sacco che però apre troppo il piatto fallendo il colpo del ko. Il Picciola non riesce a carburare perdendo la testa al 29′ quando Mercogliano dice qualcosa di troppo all’arbitro Marra beccandosi il rosso diretto. La partita sembrerebbe finita, sarebbe finita, ma il caso complica i piani bianconeri al 31′: sugli sviluppi di un calcio da fermo dalla trequarti, Avino (disturbato in uscita da un avversario) manca l’appuntamento con il pallone che si infila alle sua spalle. 1-1, tutto da rifare con mister Liquidato che decide di cambiare le carte in tavola mandando in campo Falanga per Vaccaro (ammonito), Zaccaro al posto di Scielzo e Caruso per Thiam. Sono le mosse decisive perché a 5′ dalla fine, proprio il baby Caruso (classe ’00) si fa trovare pronto quando il portiere del Picciola, Amabile, dice di no a Zaccaro. Il giovanissimo attaccante esterno bianconero non si fa pregare spingendo dentro la respinta che vale il sorpasso bianconero. Il Picciola prova un ultimo disperato assalto ma al 93′ su rilancio di Avino, Zaccaro scatta in posizione regolare e punisce Amabile chiudendo i conti 1-3. Il Nola passa a Pontecagnano e aggancia in classifica il Picciola. La risalita continua!