Nola, il sogno playoff adesso è realtà

Le reti di Colonna e Mocerino portano il Nola ai playoff

Con il successo corsaro per 2-0 in terra irpina, gli uomini di Liquidato approdano agli spareggi promozione

Il presidente De Lucia: “Questo è il primo passo di un lungo percorso, il Nola continuerà a stupire”

La lunga galoppata verso i playoff è finalmente finita. Battendo 2-0 a domicilio l’Eclanese nella penultima giornata del Girone B del campionato di Eccellenza, il Nola ha matematicamente centrato la qualificazione ai playoff promozione scatenando la festa negli spogliatoi dello stadio di Mirabella Eclano. Il successo in terra irpina ha infatti consentito ai bianconeri di balzare a quota 49 punti con ben 5 lunghezze di vantaggio sul Valdiano. Gap incolmabile con solo 90’ da giocare per un Nola che numeri alla mano chiude la stagione regolare con la miglior difesa del campionato e il primato assoluto nel Girone B nel girone di ritorno.

Decisivi nella partita di Mirabello Eclano, Salvatore Colonna e Angelo Mocerino che con i loro gol hanno spianato la strada verso il traguardo playoff che a inizio dicembre non poteva neanche essere immaginato. Con l’avvento dei nuovi soci, con il passaggio del testimone societario nelle mani di Alfonso De Luci, il conseguente ritorno sulla panchina bianconera di mister Stefano Liquidato ed l’arrivo allo Sporting Club di rinforzi di alta qualità, è iniziata la cavalcata del nuovo Nola che adesso non intende più fermarsi.

“Dal mese di dicembre il Nola ha espresso il miglior calcio ed i migliori risultati del Girone B – ha dichiarato un entusiasta presidente Alfonso De Lucia – abbiamo intrapreso un percorso iniziato praticamente in fondo alla classifica e che ora sarà impreziosito dalla partecipazione ai playoff promozione. Senza dimenticare la spettacolare ed emozionante finale di Coppa con il Savoia, posso già affermare che questa società, rinvigorita dall’intervento di un gruppo di giovani imprenditori nolani innamorati di questi colori, ha compiuto un vero e proprio miracolo sportivo. Adesso però dobbiamo continuare, senza alcun timore riverenziale, senza alcuna pressione, a sognare. Vogliamo stupire tutti – ha concluso Alfonso De Lucia – perché non intendiamo porci limiti”.